Alopias vulpinus

Nome comune: Common thresher Shark|Squalo volpe

Categoria: Squali
Tipologia: Tavola a colori

Descrizione

L’originale della tavola, che illustra lo Squalo volpe (Alopias vulpinus) è stata realizzata su carta Fabriano A4 – 50×35 cm da 250 grammi. Sono state utilizzate tecniche di tipo misto, inchiostri acrilici, aerografo, pastello e pennello.

L’intera serie, riproducenti le diverse specie di squali , è stata realizzata per illustrare il volume divulgativo “Requins en libertè” scritto dal fotografo Gèrard Soury ed Edito dalla Casa Editrice Nathan di Parigi, nel 2001.

La riproduzione delle singole specie è stata realizzata sulla base di studi anatomici, di numerose immagini fotografiche, video e dove possibile anche di osservazione diretta degli animali nel loro ambiente naturale.

Scheda organismo

Lo Squalo volpe con i suoi 6 m di lunghezza, rappresenta la specie più grande tra il Genere Alopias: la metà della lunghezza totale, tuttavia, spetta alla parte superiore della caratteristica coda, che l’animale utilizza come scudiscio per stordire e sopraffare le prede. Molto diffuso nei mari tropicali, lo Squalo volpe nuota spesso in superficie in aree costiere, ma è presente anche alla profondità di 350 m. Normalmente non attacca l’uomo, ma se ferito e preso all’amo può dare poderosi colpi di coda

Codice: TCAV0001

Richiedi questo contenuto